Se sei qui è perché non vuoi più abbassare lo sguardo.

È il momento giusto per agire e guardare alla tua psoriasi con occhi diversi. Grazie alle innovazioni terapeutiche, hai nuove opportunità per affrontarla e per pensare di nuovo al tuo futuro.

  • Preparati alla visita

    A cosa hai dovuto rinunciare?

  • trattamento topico

    Nuove terapie al tuo fianco

  • Segui la terapia

    Guarda al futuro

Non sei solo.

Farsi seguire da uno specialista è il primo passo per affrontare la psoriasi e riprendere in mano la propria vita. Leggi le storie di chi pensava di non farcela.

ragazza che sorride

Giulia, 22 anni, studentessa

Ciao! Sono Giulia, ho 22 anni, studio all’Università e pratico arti marziali da due anni. Sono sempre stata una ragazza dinamica e socievole, ma quando il dermatologo mi ha diagnosticato una forma lieve di psoriasi mi sono sentita insicura, in balìa del giudizio degli altri.
Ero preoccupata perché la psoriasi mi stava condizionando la vita: saltavo le lezioni in palestra ed evitavo il contatto fisico con gli altri. Mi vergognavo, temevo che le persone mi guardassero male. Dopo essermi informata sulle nuove terapie disponibili ho deciso di parlarne con il mio medico di fiducia. Insieme abbiamo individuato un percorso terapeutico che riesco a seguire con costanza e finalmente ho sotto controllo la mia psoriasi.

Immagine a scopo rappresentativo

Paolo, 35 anni, commesso

Eccomi qui. Lavoro in un negozio di elettronica e sono un appassionato di musica rock. Soffro di psoriasi da quando avevo 18 anni e dopo numerose visite dermatologiche e diversi trattamenti tra cui anche cure termali, e rimedi alternativi, ho perso la fiducia e a un certo punto ho smesso di cercare una soluzione.
Non mi sottopongo a un controllo specialistico da quasi 10 anni. Mi sento a disagio con i clienti del negozio e a causa della malattia ho quasi rinunciato a fare vita sociale: mi rendo conto che devo fare qualcosa. Ho letto che la ricerca ha fatto dei passi avanti e ho intenzione di saperne di più. Per questo tornerò dal dermatologo.

Immagine a scopo rappresentativo
coppia di mezz’età che si abbraccia

Stefano, 50 anni, architetto

Sara è una fotografa eccezionale e viaggia spesso per lavoro. Viviamo insieme da due anni e stiamo vivendo una storia meravigliosa, ma all’inizio è stata dura. Sara ha vissuto un intenso periodo di stress e da allora soffre di una moderata forma di psoriasi. Lei fa finta di niente, è così presa dai suoi impegni che si dimentica di seguire la terapia e di prenotare i controlli dal dermatologo. Io lo so che si sente a disagio, soprattutto nei rapporti sociali. Così ho deciso di aiutarla: ho cercato informazioni su internet e ho scoperto che un problema comune tra chi soffre di psoriasi è proprio la scarsa aderenza alla terapia. Mi sono offerto di prenotarle le visite mediche e di tenerle un diario della malattia, con la descrizione delle terapie e dei benefici ottenuti dai trattamenti. Sono felice di aiutarla e questo metodo funziona! Da quando teniamo sotto controllo la psoriasi, la pelle di Sara è migliorata notevolmente.

Immagine a scopo rappresentativo

Torna su